Spotify inizia a bloccare gli adblocker una volta per tutte

Severissimo Spotify: ban account per chi blocca le pubblicità

Spotify inizia a bloccare gli adblocker una volta per tutte

Adesso però le cose si sono ancora più evolute: andiamo a scoprire tutti i dettagli.

Canale Offerte, Canale News, Gruppo Telegram, Pagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.

Ascoltare gratuitamente le canzoni all'interno del catalogo dell'applicazione significa doversi sorbire pubblicità audio sempre più frequenti e invasive.

Secondo le opinioni degli analisti, lo streaming musicale avrebbe incentivato la vendita degli abbonamenti mensili premium, grazie alle promozioni distribuite e concesse in abbinamento agli smart-speaker.

L'azienda, aveva già implementato diverse forme di controllo per impedire che gli utenti utilizzassero strumenti o versioni modificate dell'applicazione, ma ciò nonostante lo scorzo marzo erano due milioni gli utenti che utilizzavano Spotify senza interruzioni pubblicitarie e senza pagare l'abbonamento premium.

Spotify ha recentemente aggiornato i Termini del contratto di servizio, dove ora viene fatto esplicito divieto di utilizzare strumenti in grado di "eludere o bloccare gli annunci nel servizio Spotify, o la creazione o la distribuzione di strumenti progettati per bloccare pubblicità nel servizio Spotify".

Tenete presente che Spotify già redarguisce gli utenti che fanno uso di software ad blocker, procedendo alla disattivazione temporanea degli account fino a quando gli utenti non provvedono a disinstallare certi strumenti.

Per quanto riguarda gli interessati, avranno tempo fino al 2 marzo, data in cui la regola entrerà in vigore, per conformarsi alla nuova politica di utilizzo di Spotify.

Altre Notizie