14 marzo: Giornata Mondiale del Rene

Giornata mondiale dei reni

Giornata mondiale del rene: controlli gratuiti negli ospedali di Dolo e Mestre

Teramo. In occasione della Giornata Mondiale del Rene 2019, il 14 marzo, i nefrologi dell'ASL di Teramo incontreranno gli alunni del Liceo Scientifico A. Einstein per una breve lezione sulle funzioni e sulle malattie del rene.

Considerata l'importanza che la prevenzione riveste in ogni ambito della Medicina e che, nel campo strettamente nefrologico, ha contribuito negli ultimi anni a ridurre la prevalenza dei pazienti in dialisi cronica, ci si augura un gran numero di adesioni all'offerta di screening che non durerà più di 10 minuti di tempo per ognuno dei partecipanti. Medici, infermieri e dietiste accoglieranno i cittadini e rileveranno gratuitamente colesterolo, glicemia, esame urine, pressione arteriosa, peso e indice di massa corporea.

A Sassari la manifestazione che si terrà il 14 marzo in piazza d'Italia, è organizzata dalla struttura complessa di Nefrologia dialisi e trapianto dell'Azienda ospedaliero universitaria e diretta dalla dottoressa Maria Cossu. A tal fine è fondamentale la sensibilizzazione della popolazione, in particolare per quanto riguarda la prevenzione e diagnosi precoce.

Sono molte le persone affette da insufficienza renale senza neanche saperlo: si calcola che il 10% dei 15 milioni di ipertesi, dei 5 milioni di diabetici e dei 10 milioni di obesi siano affetti da una malattia renale misconosciuta. La sua presenza è favorita da altre malattie croniche come il diabete, l'ipertensione arteriosa, la vasculopatia arteriosclerotica e da stili di vita scorretti (sedentarietà, eccesso di farmaci, fumo di sigaretta, ecc.) e cattive abitudini alimentari.

A supportare gli operatori della nefrologia e dialisi ci saranno i volontari ANED, l'associazione nazionale dializzati e trapiantati renali e dell'Associazione "Si Rene" che sostiene e rappresenta i nefropatici. In Umbria nel 2009 erano in dialisi circa 870 pazienti per milione di abitanti, ed i nuovi ingressi erano stati circa 180 per milione di abitanti. "Fagugli - pertanto occorre inoltre migliorare la rete fra ospedali, come previsto dal Piano Sanitario Regionale, con lo scopo di prevenire e migliorare l'assistenza di quelle patologie renali acute che innescano la malattia renale cronica o ne favoriscono la sua progressione verso forme terminali che necessitano di trattamento dialitico".

Altre Notizie