Ci sono 5 mila ordini di Boeing 737 Max

Disastro aereo in Etiopia, Boeing annuncia l’aggiornamento del software per i 737 Max

Incidente aereo in Etiopia, Boeing annuncia l'aggiornamento software

L'autorità per l'aviazione civile della Malaysia ha annunciato che sospenderà i voli degli aerei Boeing 737 Max 8 da e per il Paese, con effetto immediato, dopo l'incidente alle Ethiopian Airlines. Secondo quanto riferito dai media locali, il polo aeronautico globale degli Emirati Arabi Uniti ha infatti vietato le operazione del velivolo Boeing 737 MAX nel suo spazio aereo. La Federal Aviation Administration degli Stati uniti non ha imposto nessuna ulteriore azione al momento e, sulla base delle informazioni attualmente disponibili, non abbiamo alcun elemento fondante per fornire nuove indicazioni agli operatori. In mattinata era arrivata anche la decisione del Regno Unito: lo spazio aereo sarà chiuso ai 737 Max 8 e una misura simile potrebbe essere adotatta in tutta l'Unione europea dall'agenzia che si occupa di vigilare sul trasporto aereo, l'Easa, secondo indiscrezioni raccolte dall'agenzia Bloomberg. In una conferenza stampa al ministero dei trasporti di Giakarta, l'amministratore delegato Daniel Putut ha dichiarato che la compagnia ha bisogno di sapere "la causa all'origine" dell'incidente. Boeing sta in ogni caso riaggiornando il sistema Mcas (maneuvering characteristics augmentation system), installato dagli ingegneri di Boeing nel Max per bilanciare la tendenza del muso a salire verso l'alto a causa del riposizionamento del motore che ha permesso di migliorare del 14 % il consumo di carburante. In attesa di chiarire con certezza cosa non ha funzionato, sono emersi altri dettagli in merito ai problemi del colosso dei cieli. Non è stato reso noto ancora in quale Paese verranno inviate le scatole nere. La notizia è emersa da un controllo dei registri federali.

La tragedia di domenica scorsa spinge le nazioni di mezzo mondo a chiudere il proprio spazio aereo al Boing 737 Max, ultimo modello della casa statunitense finito sotto accusa per il suo sistema automatico antistallo. Probabilmente, già nelle prossime ore potrebbero essere ricostruite, grazie ai registratori di bordo, le ultime fasi del drammatico incidente che è costato la vita a 157 persone. Nel caso dei due incidenti della Ethiopian e della Lion Air, sembra che il velivolo sia sceso bruscamente più di una volta mentre i piloti cercavano di riprenderne il controllo.

Altre Notizie