F1, morto direttore gara Charlie Whiting

Charlie Whiting

Charlie Whiting

La notizia è stata confermata anche dal presidente della FIA Jean Todt, che si è detto scioccato dalla scomparsa di uno dei volti più noti nel settore. "Conoscevo Whiting da molti anni ed è stato un grande direttore di gara, una figura centrale e inimitabile in Formula 1 che incarnava l'etica e lo spirito di questo fantastico sport -le parole di Todt-". Gli ho parlato ieri e abbiamo passeggiato insieme sulla pista.

Il candidato alla successione di Whiting era Laurent Mekies, ma il francese non ha saputo resistere alla chiamata della Ferrari, visto che Mattia Binotto gli ha affidato il ruolo di direttore sportivo della Scuderia.

Anche Ross Brawn, direttore tecnico F1 per Liberty Media, ha manifestato il proprio cordoglio per la sua improvvisa scomparsa: "Avevamo iniziato insieme come meccanici, siamo diventati amici e passato tanto tempo insieme in giro per il mondo, sono devastato, è una grande perdita per tutta la famiglia della Formula 1, i miei pensieri alla famiglia". "Ci sono tutte queste regole e lui era una specie di uomo di mezzo, qualcuno a cui si poteva chiedere qualsiasi cosa in qualsiasi momento, era molto disponibile". Quello che ha fatto lui per lo sport, il suo impegno fanno di lui un vero pilastro.

Whiting, di nazionalità britannica, 66 anni, aveva iniziato in F1 nel 1977 per il team Hesketh Racing, per diventare poi capo meccanico Brabham, lavorando per conquistare i titoli mondiali del Nelson Piquet del Brasile nel 1981 e nel 1983. La Federazione non ha ancora comunicato chi lo sostituirà, di certo non sarà facile per nessuno raccogliere un'eredità così grande.

Stando alle prime notizie, Charlie Whiting sarebbe morto a causa di una embolia polmonare. È stato parte integrante dell'organizzazione del campionato da quando è entrato a far parte della Federazione nel 1988 ed è stato direttore di gara dal 1997.

Altre Notizie