Google: rimossi 2,3 miliardi di annunci ingannevoli

FBI e White Ops nella battaglia di Google contro le truffe nel web

Nel 2018 Google ha bloccato ben 2,3 miliardi di annunci truffaldini

"Procediamo nel nostro progetto di sostenere un ecosistema pubblicitario sano, sicuro e sostenibile".

L'opera di pulizia da parte di Google è senza precedenti, e solo nel 2018 sono stati rimossi oltre 2 miliardi di annunci che non erano sicuri, e sebbene la cifra sia elevata, rispetto al 2017 è diminuita del 30%, quando gli annunci rimossi erano ben 3,2 miliardi.

Nella lotta alla disinformazione, Google ha inoltre rimosso gli annunci da circa 1,2 milioni di pagine, da oltre 22.000 app e da quasi 15.000 siti nella sua rete pubblicitaria, "per violazione delle policy che riguardano contenuti inappropriati, di scarsa qualità o che promuovono messaggi d'odio".

Il motore di ricerca ha riferito che "nel 2018 ci troviamo di fronte a nuove sfide in aree in cui la pubblicità online potrebbe essere utilizzata per ingannare o frodare gli utenti offline".

Ma le azioni di Google non si sono fermate ai soli annunci. "Siamo riusciti a farlo grazie a una combinazione di revisioni manuali e di machine learning".

Il prossimo mese, in linea con il Centro policy di AdSense, iGoogle renderà disponibile un nuovo Policy Manager per Google Ads, che fornirà suggerimenti sugli errori più comuni e aiuterà gli inserzionisti che non hanno intenzioni malevole a semplificare la creazione e il lancio di annunci in linea con le policy.

Inoltre, sono stati completamente eliminati gli annunci adv da quasi 1,5 milioni di app e da quasi 28 milioni di pagine per violazione delle publisher policies del colosso di Mountain View. In base ai dati fornito dalla società Trust and Safety Ads, Google ha bloccato circa 6 milioni di annunci pubblicitari ingannevoli o pericolosi ogni giorno per un totale di 2,3 miliardi.

Scott Spencer spiega che lo scorso anno Google ha anche unito le forze "per contrastare non solo le pubblicità ingannevoli e pericolose, ma chi le creava e cercava di diffonderle".

Dalla segnalazione di siti che diffondono "fake news", a domande sull'identità dell'inserzionista, fino a consistenti operazioni di frode pubblicitaria, la pubblicità online è oggetto di importanti preoccupazioni, soprattutto quando si agisce in ambito politico. Più in dettaglio, Spencer riferisce che siono stati rimossi da Google gli annunci da quasi 74.000 pagine per aver violato le policy sui contenuti pericolosi o dispregiativi e abbiamo rimosso circa 190.000 annunci per lo stesso motivo.

Altre Notizie